Categories: SEO

SEO tecnico e SEO dei contenuti: quale funziona meglio per la tua strategia di marketing?

Quando le risorse sono limitate, non è facile scegliere tra SEO tecnico e content marketing. Scopri come selezionare il pilastro SEO giusto per il tuo marchio.

La SEO non è un approccio valido per tutti. Come molti canali di marketing, esistono diverse forme di SEO. Sia la SEO tecnica che la SEO dei contenuti ti aiuteranno a raccogliere più traffico organico, ma ciò non significa necessariamente che devi investire in entrambi in questo momento. A seconda di dove si trova il tuo brand, quante risorse hai e quali sono i tuoi obiettivi, un pilastro SEO è probabilmente più redditizio dell’altro.

Fortunatamente, ci sono alcune risposte facili che possono aiutarti a determinare se la SEO tecnica o la SEO per il content marketing ti offriranno un miglior rapporto qualità-prezzo. Vediamoli insieme nel dettaglio!

Che cos’è il content marketing e il content seo?

Ciò che è buono per l’utente è buono per la SEO. Se tieni questo a mente mentre produci contenuti sul tuo sito, andrà tutto bene.

L’obiettivo del content marketing e del content SEO 

Fornire il contenuto giusto nella forma giusta all’utente giusto al momento giusto, più facile a dirsi che a farsi.

Più specificamente, la SEO dei contenuti si concentra principalmente sui contenuti visualizzati sia dall’utente che da Googlebot. È il contenuto che Google utilizza per classificare le tue pagine rispetto ai tuoi concorrenti. Naturalmente, è probabile che ci siano molti contenuti sul tuo sito, quindi quale contenuto si applica al content marketing? La risposta è tutto questo!

Tuttavia, la scrittura di contenuti SEO di solito ruota attorno ad alcuni elementi chiave, che Google utilizza per determinare il tuo posizionamento. Quelli sono:

  • URL: ecco come un utente o Googlebot trova la tua pagina. Cerca di essere breve e usa sempre URL leggibili dall’uomo con parole chiave descrittive, come quella di questo articolo.
  • Tag del titolo: questo è il testo che un utente vede quando passa il mouse sopra la scheda della tua pagina. Di solito è anche il grande testo blu che gli utenti vedono in Google. Usa frasi, includi parole chiave descrittive, scegli come target tra 60 e 80 caratteri con spazi e scrivi sempre tag del titolo univoci per ogni pagina.
  • Meta descrizioni: gli utenti vedono solo la meta descrizione nei risultati di Google e non nella tua pagina. Pertanto, l’obiettivo è convincere l’utente a fare clic sul risultato. Usa la struttura della frase, scegli tra 150 e 200 caratteri con spazi e scrivi sempre meta descrizioni univoche per pagina.
  • Titoli (H1s): questo è il titolo della tua pagina e il titolo principale che l’utente vedrà sulla pagina. L’H1 di solito non viene mostrato su Google. Assicurati che tutti gli H1 del tuo sito siano unici, ma cerca sempre di collegare l’utente.
  • Altre intestazioni (H2 e H3): usa H2 e H3 per suddividere i tuoi contenuti. Agli utenti piace sfogliare, quindi non pubblicare una lunga storia senza paragrafi o intestazioni nella pagina. Inoltre, Google tiene conto di H2 e H3 nelle sue decisioni di ranking.
  • Contenuto del corpo: il tuo articolo effettivo deve informare e coinvolgere l’utente meglio di quello dei tuoi concorrenti. Ancora una volta, la scrittura di contenuti SEO consiste nel fornire il contenuto giusto nella forma giusta all’utente giusto al momento giusto.
  • Collegamenti ipertestuali e testo di ancoraggio: Google e gli utenti utilizzano i collegamenti ipertestuali all’interno delle pagine per scoprire nuovi contenuti. Il testo di ancoraggio è ciò che chiamiamo le parole effettive che scegli per il collegamento ipertestuale. Quando effettui un collegamento ipertestuale ad altre pagine all’interno o all’esterno del tuo sito, usa il testo di ancoraggio per informare l’utente dove stanno andando. Il testo di ancoraggio dovrebbe fornire a un utente e a Googlebot un indizio su quale pagina stanno per visitare.
  • Layout di pagina: infine, assicurati che la tua pagina scorra bene. Ancora una volta, non inserire solo 1.000 parole in una pagina senza intestazioni, paragrafi e collegamenti ipertestuali. Sia su dispositivi mobili che desktop, il design della tua pagina dovrebbe essere pulito e facile da usare.

Che cos’è la SEO tecnica?

La SEO tecnica è costituita da pratiche del sito Web e del server che hanno lo scopo di massimizzare l’usabilità del sito, la scansione e l’indicizzazione delle ricerche. In altre parole, la SEO tecnica aiuta Googlebot a scoprire e comprendere le tue pagine. La SEO tecnica è il lavoro dietro le quinte che garantisce il corretto funzionamento di un sito Web e che Google può effettivamente prendere il contenuto e mostrarlo nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

Esistono centinaia di progetti SEO tecnici, molti dei quali rientrano nelle nostre tendenze SEO 2021, ma alcuni dei più comuni sono:

  • Robots.txt: ogni sito ha un file robots.txt e puoi vedere il tuo andando alla tua home page e aggiungendo /robots.txt alla fine dell’URL. Questo file è come una mappa per Googlebot. Googlebot arriverà sempre su questa mappa e vedrà quali pagine può e non può eseguire la scansione. Se desideri che le tue pagine vengano visualizzate su Google, assicurati che non siano bloccate o non consentite tramite il file robots.txt.
  • Sitemap XML: i siti più grandi con un sacco di URL dovrebbero utilizzare sitemap XML per aiutare Googlebot a trovare tutti gli URL pertinenti. Le sitemap XML sono mappe più grandi che mostrano a Google tutti gli URL pertinenti su un dominio o sottodominio. Se stai gestendo un sito più piccolo con buoni collegamenti interni, le sitemap XML sono sopravvalutate e non forniranno molto ROI.
  • Scansione: una volta che Google legge i file sopra, si fa strada nel sito. Googlebot utilizza i link interni e le sitemap XML per trovare le pagine del tuo sito. Googlebot deve essere in grado di eseguire la scansione di un URL per indicizzare e classificare quella pagina. La scansione avviene sempre prima dell’indicizzazione e del posizionamento.
  • Indicizzazione: oltre al file robots.txt , puoi sempre utilizzare il tag robots a livello di pagina per dire a Google di non indicizzare quella pagina. Ad esempio, puoi pubblicare una nuova pagina sul tuo sito per vedere se il design aiuta con la conversione. Tuttavia, vuoi solo testarlo su un sottoinsieme di utenti. Per assicurarti che nessun altro utente veda la pagina prima che sia finalizzata, puoi applicare un tag noindex robots alla pagina. Questo dice a Google di tenerlo fuori dal suo indice.
  • Prestazioni e velocità del sito: la velocità del sito è vitale. Se il tuo sito è lento, è improbabile che gli utenti attendano. Inoltre, quest’anno Google ha finalmente incluso l’esperienza della pagina e i suoi Core Web Vitals nel suo algoritmo di ranking. In altre parole, se il tuo sito è lento, Google potrebbe abbassare il tuo posizionamento. Non puoi più rimandare il lavoro sulla velocità del sito.
  • Canonicals: molti siti hanno URL con parametri di monitoraggio o più pagine con contenuti simili. In entrambi gli scenari, utilizza il tag rel-canonical per indicare a Google dove inviare il succo SEO. In poche parole, se due URL hanno contenuti molto simili, Google non saprà quale classificare su query simili. I tag canonici chiariscono e inviano tutto il succo e i segnali SEO all’URL più pertinente.
  • Dati strutturati: i dati strutturati aiutano Google a comprendere il contesto di una pagina. Google premia anche alcuni tipi di dati strutturati sulla SERP, ma questo elenco si sta espandendo rapidamente. Se hai pagine che rientrano in questi tipi di Schema.org, prenderei in considerazione l’aggiunta nel tuo codice.
  • Rendering: Infine, puoi eseguire il rendering dei contenuti del tuo sito Web lato server o lato client. Entrambi hanno i loro pro e contro, ma il più delle volte i SEO preferiscono il rendering lato server per garantire che Googlebot possa vedere tutti i tuoi contenuti il ​​più velocemente possibile.

Per la SEO la lunghezza non conta: la risposta di Google

Come determinare quale pilastro SEO ti serve?

Ora che conosci le basi sia della SEO del content marketing che della SEO tecnica, devi decidere su quale investire. Ovviamente, la prima risposta è entrambe. Qualsiasi sito Web che si occupa seriamente della SEO deve dedicare risorse a ciascun pilastro. Purtroppo, la maggior parte di noi non ha un budget di marketing infinito e molti brand devono decidere l’uno o l’altro. Se rientri in questo segmento, la seguente analisi ti aiuterà a determinare quale pilastro SEO fornirà un ROI migliore:

  1. Confronta i contenuti della concorrenza
  2. Confronta le classifiche SEO
  3. Analizza Google Search Console (GSC) e il rapporto di indicizzazione
  4. Analizza la velocità del sito
  5. Valuta i file di registro
  6. Valutare le risorse.

Confronta i contenuti della concorrenza

Chiunque si occupi di marketing dovrebbe essere in grado di guardare una pagina web simile e dire quale contenuto è più efficace. Che si tratti di un design superiore, di una scrittura più creativa, di una ricerca più informata o di un migliore collegamento interno, di solito è chiaro quale pagina andrà meglio a lungo termine. È qui che dovresti iniziare.

Raccogli i tuoi primi cinque concorrenti e poi scegli le tue 10 pagine più importanti sul tuo sito. È probabile che i tuoi concorrenti avranno pagine simili. Esaminali uno per uno e guarda come si accumulano le tue pagine. Chi ha più contenuti? Chi risponde a più domande che avranno i tuoi utenti? Quali pagine offrono un percorso di conversione migliore? Quali pagine forniscono un facile accesso a contenuti simili? Se le risposte a tutte queste domande non sei tu, allora devi investire in contenuti SEO.

Confronta le classifiche SEO

Quindi, guarda le tue classifiche di Google rispetto a quelle dei tuoi concorrenti. Molto probabilmente, le risposte alla tua analisi di cui sopra saranno le stesse, ma dovresti anche controllare le tue classifiche ufficiali. Puoi farlo tramite GSC o strumenti di classifica come SEMRushMoz e uno sciame di altri. Se sei un neofita della SEO, consiglio vivamente SEMrush. È uno strumento molto facile da comprendere e può aiutarti immensamente con la pianificazione dei contenuti.

Mentre ti confronti con i tuoi concorrenti, torna alla tua risposta sopra. Se i tuoi contenuti sono migliori di quelli dei tuoi concorrenti, ma le tue classifiche sono inferiori, investirei in SEO tecnico, poiché potrebbe essere in gioco qualcosa oltre il contenuto. Tuttavia, se i tuoi contenuti sono peggiori e le tue classifiche sono inferiori, investirei prima nella SEO dei contenuti. Dopo che ciò è stato risolto (che non ha fine, in realtà), dovresti passare anche alla SEO tecnica.

Analizza Google Seach Console e il rapporto di indicizzazione

GSC è il modo in cui Google ti invia messaggi direttamente sul tuo sito web. Ha una serie di statistiche che vanno dal traffico, percentuale di clic, Core Web Vitals (velocità), mappe del sito e molto altro. Tuttavia, un rapporto chiave è la sezione di copertura. Questo rapporto ti dice quali pagine Google sta indicizzando o non indicizzando. In questa sezione, GSC evidenzia quattro campi:

  1. Errori
  2. Valido con avvertenze
  3. Valido
  4. Escluso

I nomi sono piuttosto autoesplicativi, ma dovresti concentrarti sulla sezione “Escluse”. Queste sono le pagine che Google non può o sta scegliendo di non indicizzare per vari motivi. Nei quattro campi, se più del 20% degli URL totali dei tuoi siti è “Escluso”, consiglio vivamente di investire in SEO tecnico. Sebbene alcuni dei motivi esclusi possano essere dovuti a contenuti scarsi o duplicati, la maggior parte dei problemi di solito rientra nell’arena tecnica della SEO. Se meno del 20 percento dei tuoi URL totali si trova nei campi “Esclusi” o “Errori”, concentrati sulla SEO dei contenuti.

Le ultime novità SEO per il 2021

Analizza la velocità del tuo sito

Le prestazioni del sito saranno un fattore di classifica ufficiale nel 2021 (anche se penso che lo sia già). Google ha dato ai webmaster tutto il tempo per mettere i loro siti in perfetta forma, e questo di solito significa che questo cambiamento di classifica sarà un grosso problema. Pertanto, assicurati che il tuo sito sia il più veloce possibile.

Per analizzare la velocità del tuo sito, dai un’occhiata al rapporto Core Web Vitals in GSC. Google ti dirà quali pagine sono scadenti, quali necessitano di miglioramenti e quali sono in buone condizioni. Concentrati sugli URL “scadenti” e ottieni quelle pagine nella condizione “buona”. Durante l’audit dei tuoi Core Web Vitals, dovrai concentrarti su queste tre metriche:

  • Largest Contentful Paint (LCP): misura la velocità di caricamento del contenuto principale di una pagina. Deve caricare meno di 2,5 secondi.
  • First Input Delay (FID): misura la velocità con cui gli utenti sono in grado di interagire con una pagina dopo essere atterrati su di essa. Questo deve avvenire entro 100 millisecondi.
  • Cumulative Layout Shift (CLS): misura la frequenza con cui gli utenti sperimentano cambiamenti di layout imprevisti. CLS deve essere inferiore a 0,1.

Oltre a questo rapporto, puoi anche utilizzare Google PageSpeed ​​Insights per esaminare gli URL a livello individuale e ottenere un po’ più di dati rispetto a GSC. È un po’ più manuale, ma se stai facendo un controllo dell’intero sito web, ti consiglio vivamente di guardare entrambi gli strumenti.

In caso di problemi di velocità (ad esempio, gli URL GSC sono scarsi o i punteggi di Google PageSpeed ​​inferiori a 60), concentrati sulla SEO tecnica e sposta immediatamente le prestazioni del sito sulla tua roadmap SEO.

Valuta i tuoi file di registro

I file di registro ti dicono dove i bot eseguono la scansione del tuo sito. In precedenza, ho menzionato robots.txt e sitemap XML. Sebbene tu possa dire a Google dove andare sul tuo sito, ciò non significa che visiterà quegli URL tutte le volte che desideri. Per confermare la frequenza, è necessario controllare i file di registro.

I file di registro sono probabilmente sotto chiave dal tuo CTO o da altri sviluppatori. La loro formattazione può essere un po’ tecnica, quindi probabilmente avrai bisogno di assistenza. Una volta ottenuto, determina la frequenza con cui Google esegue la scansione di ogni sezione del tuo sito web. Se esegue la scansione con la stessa frequenza con cui il contenuto viene aggiornato, sei a posto. In caso contrario, è probabile che ci sia un problema tecnico SEO, ma potrebbe anche esserci un problema di collegamento interno. Pertanto, se riscontri un problema con i tuoi file di registro, investirei prima in SEO tecnico. Se ciò non risolve il problema, torna indietro e concentrati sul collegamento interno.

Esamina le tue risorse

Dopo aver fatto tutto quanto sopra, siediti e valuta le risorse della tua azienda. Quanti sviluppatori hai a disposizione? Com’è la loro larghezza di banda? Dove si colloca la SEO nell’ordine gerarchico? Come sta andando l’azienda in questo momento? Su quali grandi progetti o problemi si stanno concentrando i team tecnici?

Tutte queste domande ti aiuteranno a determinare se puoi o meno investire nella SEO tecnica. Una roadmap tecnica SEO di successo richiede un’attenta definizione delle priorità, ma se nessuno può lavorare anche sui tuoi compiti più importanti, che senso ha sprecare il tuo tempo? Sì, vale sempre la pena sollevare problemi importanti (come problemi con robots.txt , un forte calo del traffico, molte pagine escluse, ecc.) – ma se il team di sviluppo non riesce a soddisfare la maggior parte delle tue richieste, concentrati su le aree che puoi aggiornare da solo come la SEO dei contenuti.

D’altra parte, se l’azienda fornisce più risorse per SEO, marketing e crescita, non sprecarle. Completa il tuo lavoro di SEO tecnico!

Inizia la tua roadmap per i contenuti e la SEO tecnica

Si spera che questo esercizio abbia chiarito quale pilastro SEO sarà più redditizio per la tua attività specifica. Altrimenti…

Come valutare in quale strategia SEO investire

  • Content SEO : se le risorse sono limitate e ritieni che i tuoi concorrenti stiano producendo contenuti di qualità superiore, concentrati sul content marketing e sulla SEO dei contenuti.
  • SEO tecnica : se le risorse non sono limitate e hai problemi di scansione, indicizzazione o velocità, o se hai investito molto nella SEO dei contenuti nel corso degli anni, concentrati sulla SEO tecnica.

Una volta deciso su quale pilastro puntare, mettiti al lavoro! Prima che tu te ne accorga, i tuoi contenuti e i problemi tecnici di SEO svaniranno e i tuoi concorrenti ti inseguiranno nelle classifiche di Google.

Google MUM: il nuovo algoritmo di Google. Tecnologia, intelligenza artificiale, rivoluzione.

Scopriremo insieme l’impatto che avrà sulla Serp e sulla SEO! Intanto, se vuoi sapere come migliorare la tua presenza in rete, puoi richiedere una Consulenza SEO ai nostri esperti!

Se ti è piaciuto l’articolo seguici anche su Instagram per ulteriori curiosità sull’argomento.

Per altri approfondimenti sul cinema continua a seguirci su www.virgo29.it/blog

virgo29

Recent Posts

12 idee di social media marketing da usare a novembre

Il mese di novembre sta arrivando e porta con sè una serie di eventi e…

3 anni ago

TikTok raggiunge un miliardo di utenti attivi, l’ultimo traguardo per l’app

Nonostante sia stato quasi bandito negli Stati Uniti, in realtà è stato bandito nel suo secondo mercato…

3 anni ago

Facebook: nuove funzionalità di chat di gruppo Messenger e Instagram Direct

Facebook ha annunciato una serie di nuove funzionalità per Messenger e Instagram Direct, tra cui chat di…

3 anni ago

Lezioni di cinema: Gli attacchi di montaggio

Fin ad ora abbiamo parlato della scenografia, l'illuminazione, il colore, la fotografia, il costume e…

3 anni ago

Lezioni di cinema: Gli schemi di montaggio

Fin ad ora abbiamo parlato della scenografia, l'illuminazione, il colore, la fotografia, il costume e…

3 anni ago

Che cos’è un logo? Come progettarne uno dalla A alla Z

Il logo del tuo brand non è necessariamente la prima cosa che le persone notano…

3 anni ago

This website uses cookies.