Uno degli accessori fotografici più comuni è un paraluce, un pezzo di plastica o metallo che si attacca alla parte anteriore dell’obiettivo della fotocamera e lo fa sembrare più professionale. Ma i paraluce sono qualcosa di più del solo aspetto estetico. Solo per citare un vantaggio, possono fare una grande differenza nella qualità dell’immagine

Questo articolo tratta tutto ciò che devi sapere sull’utilizzo dei paraluce per catturare le migliori foto possibili.

Perché dovresti usare un paraluce

Un paraluce si attacca alla parte anteriore dell’obiettivo e impedisce alla luce diffusa di causare bagliori nelle fotografie. Aiuta anche a proteggere l’obiettivo da eventuali danni in caso di urto con qualcosa.

È piuttosto interessante! Mettendo semplicemente un accessorio leggero sull’obiettivo della fotocamera, migliorerai immediatamente la qualità dell’immagine e la durata dell’obiettivo. Questo è il motivo per cui la maggior parte dei fotografi usa i paraluce ogni volta che può.

Di seguito, tratteremo alcune informazioni più specifiche sui vantaggi dei cappucci, comprese le foto di esempio scattate con e senza paraluce. Ma questa è la cosa più importante da sapere: usa un paraluce quando possibile per ottenere una maggiore durata e resistenza ai bagliori.

1) Riduce al minimo il flare

Lo scopo principale di un cappuccio è ridurre la quantità di riflesso sulla lente che appare in un’immagine. Se hai mai scattato foto con luci intense nella tua foto, specialmente il sole, è probabile che tu abbia già visto il riflesso dell’obiettivo. Sebbene il riflesso dell’obiettivo possa sembrare buono quando sei a bordo dell’astronave Enterprise, di solito è qualcosa che vuoi evitare nella fotografia di tutti i giorni.

Sfortunatamente, un grosso problema con il flare è che a volte appare anche quando la fonte di luce è al di fuori della tua fotografia. Questo è il tipo di problema che potresti non vedere nemmeno sul campo, solo per aprire la foto sul tuo computer e rendersi conto che ha riflessi vividi e riflessi. Ciò è particolarmente vero se stai utilizzando un filtro di bassa qualità o se il tuo obiettivo ha rivestimenti antiriflesso meno avanzati. Alcuni obiettivi sono più inclini al flare di altri.

La buona notizia è che i paraluce possono aiutare, anche se, certo, solo se la fonte di luce è al di fuori della cornice. 

Quindi, per ridurre il bagliore nelle tue foto, è una buona idea usare un paraluce quando possibile.

2) I paraluce aggiungono contrasto

I paraluce non solo aiutano a prevenire grandi macchie di riflesso e scolorimento dell’obiettivo. Migliorano anche il contrasto generale e i colori in una foto.

Personalmente, questo è il motivo per cui usiamo quasi sempre i cappucci. Usati correttamente, non danneggiano mai la qualità dell’immagine. Questo è vero anche quando non sei alla luce diretta del sole. Qualsiasi fonte di luce vagante che colpisce l’elemento frontale potrebbe causare un contrasto ridotto in un’immagine.

3) Proteggono il tuo obiettivo dai danni

Oltre alla qualità dell’immagine, l’altro scopo principale di un paraluce è quello di proteggere l’obiettivo da urti, graffi, impronte digitali e altre fonti di danno. Se lasci cadere l’obiettivo, non è garantito che un paraluce salverà la situazione, ma è molto meglio che non usarne affatto. É sempre preferibile avere un paraluce rotto piuttosto che un elemento frontale rotto.

I paraluce aiutano anche a tenere lontani i detriti dalla parte anteriore dell’obiettivo della fotocamera, il che è molto utile per scattare foto sotto la pioggia o la neve. Se hai intenzione di uscire in condizioni meteorologiche avverse, non puoi fare a meno di un paraluce.

Quando non usare i paraluce

Nonostante tutto questo, ci sono alcuni casi specifici in cui potresti non voler usare un paraluce per la tua fotografia, o potresti non essere in grado di farlo. Le tre situazioni principali sono:

  1. In realtà vuoi un effetto bagliore nella foto – si spiega da sé
  2. L’obiettivo è destinato a un sensore più piccolo e nelle tue foto stai catturando parte del paraluce
  3. Stai utilizzando determinati filtri o accessori sull’obiettivo, impedendoti di attaccare un paraluce
  4. Il paraluce si impiglia nel vento e rende le tue foto sfocate

Per iniziare, di solito non è così, ma potrebbero esserci momenti in cui il tuo obiettivo è catturare il bagliore in una fotografia. L’immagine qui sotto, scattata con una fotocamera a infrarossi, ha una quantità folle di bagliori, ma conferisce alla foto un certo carattere. In casi come questo, probabilmente vorrai togliere il paraluce.

Altre volte, potrebbe essere necessario rimuovere il paraluce per evitare di catturarlo nella foto. Questo è il caso più comune quando si utilizza un obiettivo pensato per fotocamere con sensore più piccolo, come un obiettivo Nikon DX su una fotocamera FX. Tuttavia, alcuni obiettivi, come il fisheye Nikon 8-15 mm f/3.5-4.5, cattureranno parte del paraluce alle lunghezze focali più ampie e dovrai rimuoverlo per vedere l’intera immagine.

Il paraluce scomodo con gli accessori per obiettivo

Una situazione più comune è quando si utilizza un accessorio per l’obiettivo, come un kit di filtri o una luce anulare, che può impedirti di applicare un paraluce. Se l’accessorio è fondamentale per la foto che desideri, vai avanti e usalo; è molto probabile che le tue foto non vengano rovinate dal flare quando lo fai, purché tu stia attento. Solitamente, il kit di filtri a densità neutra graduata che usiamo a volte per la fotografia di paesaggi non ci consente di utilizzare un paraluce. 

Insieme a questi tre motivi principali, alcuni fotografi rimuovono il paraluce anche per fotografie più specializzate. Se utilizzi il flash della fotocamera, è possibile che l’ombra del paraluce appaia nelle tue foto, quindi dovresti rimuoverla. Oppure, potresti voler lasciare il paraluce dietro per la fotografia di strada per sembrare meno intimidatorio

Infine, se scatti foto in condizioni ventose, è spesso una buona idea rimuovere il paraluce e ridurre al minimo le vibrazioni nella foto. Ciò è particolarmente vero se si utilizza un teleobiettivo. Di solito, quando facciamo fotografie di paesaggi in ambienti ventosi senza luce solare diretta, tendo a scattare senza paraluce. Lo stesso vale quando si scattano foto da un aereo o da un elicottero con un finestrino aperto, nel qual caso non si dovrebbe usare un paraluce.

Potrebbero esserci anche altri casi speciali, a seconda del tipo di fotografia che fai, e questo è prevedibile. Usa un paraluce per impostazione predefinita, ma sai meglio di chiunque altro quando semplicemente non funzionerà per la tua fotografia.

Cappucci rotondi vs tulipani

I due principali tipi di paraluce oggi disponibili sono i cappucci a tulipano e i cappucci rotondi. Ecco come appaiono fianco a fianco:

I cappucci a tulipano, chiamati anche cappucci a petali o fiori, sembrano più interessanti, ma perché hanno quella forma? La semplice risposta è che sono progettati per bloccare fino all’ultimo bit di luce ambientale. Poiché i sensori della fotocamera sono rettangolari, il design del cappuccio a petalo è l’ideale; le sue tacche lasciano più spazio possibile ai quattro angoli di un’immagine. Ciò significa anche che devi indossare perfettamente un cappuccio a tulipano. Se viene ruotato in modo errato, probabilmente finirai per catturare parte di esso nella tua foto:

I paraluce rotondi hanno un design più semplice, anche se generalmente non sono altrettanto efficaci. Questo perché un cappuccio a petalo è in realtà solo un cappuccio rotondo con estensioni per massimizzare la sua area di copertura.

Questo non vuol dire che i paraluce rotondi siano malvagi da usare. Molti teleobiettivi, in particolare i primi, utilizzano un paraluce rotondo anziché un design a tulipano e funzionano perfettamente, molto meglio di niente. In conclusione, usa semplicemente il paraluce fornito con l’obiettivo e difficilmente rimarrai deluso.

Inoltre, tieni presente che i paraluce sugli obiettivi zoom sono adattati solo alla lunghezza focale più ampia dell’obiettivo (per la maggior parte). Altrimenti, cattureresti il ​​bordo ogni volta che rimpicciolisci. Quindi, quando usi uno zoom, che abbia un paraluce rotondo o un tulipano, presta attenzione al bagliore alle lunghezze focali più lunghe. Potrebbe essere necessario bloccare il sole con la mano se il paraluce non è sufficiente.

Trasportarlo in viaggio

Quando viaggi, probabilmente vorrai riporre il paraluce in modo tale da occupare il minor spazio possibile. Sebbene di solito siano leggeri, i paraluce possono essere sorprendentemente ingombranti se li metti in una tasca della borsa.

Un buon metodo è rimuovere tutti i paraluce e impilarli uno dentro l’altro. Questo non funziona sempre, ma è possibile con alcuni set di obiettivi e rende le cose molto più compatte. 

Un’altra alternativa è semplicemente quella di invertire il paraluce sul tuo obiettivo particolare. A parte alcuni obiettivi grandangolari in cui è integrato, quasi tutti i paraluce sul mercato possono essere invertiti per il trasporto, rendendolo simile a questo:

E se non hai un paraluce?

Non tutte le lenti sono dotate di cappuccio. In particolare, molti obiettivi del kit non ne includono uno, come gli zoom 18-55 mm di Nikon e Canon. Se questo è il tuo caso, vale la pena spendere soldi per acquistare un paraluce separatamente?

Da un lato, i paraluce di un produttore di obiettivi possono essere sorprendentemente costosi. Gli obiettivi più economici di solito hanno cappucci che vendono al dettaglio per $ 25 circa, con alcuni (specialmente i supertele di fascia alta) che sono molto più costosi. Se hai l’obiettivo Nikon 800mm f/5.6, spero che tu non perda il paraluce. 

Poi di nuovo, per obiettivi più ragionevoli, puoi acquistare cappucci off-brand economici per $ 10 circa. Questi potrebbero non adattarsi perfettamente all’obiettivo, ma tendono a funzionare bene. 

Un ultimo consiglio

Potrebbe sembrare sciocco, ma non scattare foto quando il paraluce è capovolto! Saresti stupito da quante persone lo fanno perché semplicemente non sanno fare di meglio. Tuttavia, non c’è davvero alcun vantaggio nello scattare foto con il paraluce al contrario. Non blocchi la luce in questo modo e non protegge affatto l’elemento anteriore dell’obiettivo. E, molto probabilmente, il paraluce coprirà parte della messa a fuoco o degli anelli dello zoom, rendendo l’obiettivo più difficile da utilizzare.

L’unico motivo per invertire il paraluce è per riporlo e trasportarlo. Se in realtà scatti foto quando è al contrario, sembrerà che tu non sappia cosa stai facendo.

Conclusione

Si spera che questo articolo ti abbia dato una buona idea di quando e come utilizzare un paraluce per le tue fotografie. È una cosa semplice, ma il minimo sforzo richiesto per utilizzare un paraluce potrebbe migliorare significativamente la qualità delle tue foto e forse anche salvare l’obiettivo dal danneggiamento un giorno.

La lente fotografica perfetta per i vostri scatti: obiettivo Canon EF-S 10-18mm

Potrebbero interessarti anche

Obiettivo Canon EF 50mm f/1.8: un’ottima scelta per i tuoi scatti
Still-life photography: l’importanza di realizzare ottime immagini e-commerce
Food-photography: come scattare fantastiche foto di cibo.
Le Migliori App per il Video Editing su Smartphone
Smartphone e fotografia: come realizzare ottimi scatti con i nostri cellulari
Fuochi d’artificio di inizio anno: 6 utili consigli per realizzare fantastiche foto
Neve e fotografia: come realizzare dei fantastici scatti invernali
Natale: 5 idee e consigli per realizzare fantastiche fotografie
Ritratto in fotografia: cos’è e come si realizza
5 Migliori Smartphone per Video e Foto
Filtri fotografici: cosa sono e a cosa servono
Movimento nelle immagini: tecniche per fotografarlo e consigli utili
Metodi applicativi per scattare foto di qualità
Obiettivi fotografici: quali sono e quale scegliere quello che fa al caso nostro
Il formato delle fotografie: cos’è e come utilizzarlo al meglio
L’utilizzo del flash in fotografia: cos’è e quando è più opportuno utilizzarlo
I principali tipi di macchine fotografiche: quali sono e come capire quale fa al caso nostro
La composizione in fotografia: cos’è e come può servirci a scattare delle buone foto
La temperatura colore e il bilanciamento del bianco in fotografia
Come fare selfie perfetti: la luce, le app, l’angolazione
La messa a fuoco in fotografia: cos’è e come si usa
L’elemento chiave della fotografia digitale: il sensore fotografico
La sensibilità (o ISO) in fotografia: cos’è e come utilizzarla
Cos’è e come si usa la velocità di otturazione in fotografia
Cosa sono e come scegliere diaframma e profondità di campo in fotografia
L’esposizione in fotografia
Fotografia: tecniche base per principianti
Come una Scena Racconta una Storia: Uso della Luce e dell’Ombra
Il colore nel cinema: psicologia ed estetica

Se ti è piaciuto l’articolo seguici anche su Instagram per ulteriori curiosità sull’argomento.

Per altri approfondimenti sulla fotografia continua a seguirci su www.virgo29.it/blog