logo

Agenzia Marketing e di Comunicazione specializzata nel dare voce al tuo brand. Chiamaci!

Virgo29 Creative Agency / Social Media Marketing  / Marketing  / Influencer marketing: che cos’è un “Gigfluencer”?

Influencer marketing: che cos’è un “Gigfluencer”?

Un gruppo più diversificato di influencer per la prima volta sta avviando attività secondarie come un modo per integrare il proprio reddito esistente. Vediamo insieme chi sono i Gigfluencer.

Siamo tutti influenzati dal marketing

L’influencer marketing è un’ottima strategia per i marchi per connettersi con il proprio pubblico di destinazione in modi veramente autentici e organici. I social media stanno diventando sempre più radicati nella vita quotidiana dei consumatori di tutto il mondo, poiché oltre il 53% della popolazione mondiale utilizza in qualche modo i social media, con un tasso medio di utilizzo giornaliero di circa 2 ore e 25 minuti.

Poiché sempre più persone utilizzano i social media più spesso, l’industria dell’influencer marketing cresce parallelamente. In effetti, si prevede che il settore crescerà fino a $ 13,8 miliardi quest’anno, rispetto ai $ 9,8 miliardi del 2020.

I brand stanno raccogliendo i benefici dell’influenza sociale e tali benefici continueranno a crescere solo in futuro.

L’industria dell’influencer marketing in crescita

Detto questo, mentre l’industria continua a crescere, si sta anche evolvendo. A ShopStyle Collective, Rakuten today ha intervistato la comunità degli influencer per vedere come questa crescita sta influenzando il panorama in generale, specialmente in un periodo così senza precedenti, durante una pandemia globale.

Lo studio ha rilevato che più della metà (53%) di tutti gli influencer per la prima volta durante questo periodo erano già impiegati. Chiamiamo questo gruppo di persone “gigfluencer“, poiché sfruttano i propri profili social nello stesso modo in cui altri potrebbero operare nella gig economy.

Qual è la differenza tra un Gigfluencer e un micro-influencer?

I gigfluencer sono simili ai micro-influencer, con un paio di differenze chiave:

  1. Sono già impiegati e stanno diventando influencer per la prima volta come concerto secondario.
  2. Sono motivazionali e demograficamente diversi dai micro-influencer del passato.

Chi sono i gigfluencer

I Gigfluencer costituiscono un segmento in rapida crescita di individui di diversa estrazione sociale che stanno trovando la loro nicchia e diventando per la prima volta influencer.

Hanno sviluppato il loro tono e la loro voce unici, hanno affinato le loro passioni individuali per ispirare i loro contenuti e hanno elaborato strategie su come si avvicineranno alla monetizzazione attraverso i loro canali.

Un esempio di gigfluencer

Ad esempio, c’è una maggiore rappresentanza di persone che si identificano come neri e ispanici nella categoria dei gigfluencer (43 percento) rispetto a coloro che hanno monetizzato prima della pandemia (31 percento). Inoltre, ci sono più uomini in questo gruppo emergente di gigluencer di quanti ce ne fossero prima della pandemia, poiché c’erano più uomini (56%) che donne che monetizzavano i loro social media e contenuti online per la prima volta nei primi mesi della pandemia come bene.

Grazie alla crescente diversità di nuove persone che entrano nel mercato, i consumatori hanno ora accesso a più tipi di influencer che si adattano meglio alle proprie identità individuali e possono essere raggiunti e interagiti su più piattaforme che mai.

Altri modi per coinvolgere i brand

Proprio come ci sono più opportunità per i consumatori di interagire con influencer che corrispondono a loro come individui, ci sono più opportunità per i marchi in tutti i diversi settori e segmenti di investire per la prima volta nel marketing degli influencer.

Man mano che un marchio cresce, una strategia di influencer diventa uno strato importante del marketing mix complessivo che consente ai marchi di mettersi di fronte ai consumatori in ogni punto di contatto, che si tratti di social, e-mail, SMS, ecc. Con questa nuova tendenza di gigfluencer, i marchi che stanno appena iniziando a pensare all’influencer marketing hanno accesso a una gamma più ampia di influencer in grado di soddisfare tutte le esigenze del loro pubblico.

Come può partire il tuo brand?

Al di là della crescita del panorama degli influencer nel suo insieme, anche i modi in cui i marchi possono lavorare con gli influencer continuano ad evolversi. Può essere un po’ intimidatorio immergersi per la prima volta nel marketing degli influencer, ma ci sono strategie che possono aiutare i marchi a prepararsi per il successo.

Ad esempio, coloro che stanno iniziando a investire nel marketing degli influencer trarrebbero vantaggio dall’iniziare con campagne di consapevolezza del marchio più ampie. Questi possono aiutare a diffondere il messaggio di un marchio e persino iniziare a influenzare altri influencer a interessarsi a lavorare con il marchio.

Strategia di affiliazione

Una volta che un marchio è più consolidato nel panorama sociale, può sviluppare una strategia di influencer di affiliazione consentendo agli influencer di creare link di affiliazione a prodotti che sono integrati organicamente nei loro contenuti. Questa strategia di affiliazione consente ai marchi di mantenere un approccio sempreverde nel marketing degli influencer, aiutando a promuovere relazioni a lungo termine con influencer che guidano una significativa consapevolezza e ROI per loro nel tempo.

La tendenza gigfluencer ci ha mostrato che il panorama degli influencer continuerà ad evolversi in modi che rendono gli influencer più diversificati e accessibili che mai. I marchi di tutti i settori dovrebbero pensare a come anticipare questa tendenza e iniziare a sfruttare i gigfluencer come parte delle loro future strategie di marketing.

Rebranding: 6 segnali che è ora di cambiare il marchio

Potrebbe interessarti ancheCampagne pubblicitarie: come diventiamo consumatori

Se ti è piaciuto l’articolo seguici anche su Instagram per ulteriori curiosità sull’argomento.

Per altri approfondimenti sul cinema continua a seguirci su www.virgo29.it/blog

No Comments

Post a Comment