page-header

Gen Z e Millennial Social Consumer Habits

Come è stato documentato in innumerevoli articoli e riflessioni, i comportamenti dei consumatori sui social sono cambiati in modo significativo nell’ultimo anno. Vediamo come sono cambiate le abitudini della Gen Z e dei Millennials.

Social Consumer Habits con la pandemia

La pandemia COVID-19 ha costretto la maggior parte delle persone a rimanere a casa, il che porta logicamente a un forte aumento della spesa per l’e-commerce. Si prevede che queste abitudini diventeranno abituali per molti, anche dopo la pandemia, con la facilità d’uso e la comodità dello shopping da casa ormai una seconda natura per un numero crescente di consumatori.

Come scoprono e acquistano prodotti?

Ma all’interno di questo, è importante notare esattamente come le persone scoprono e acquistano oggetti.

Per fornire ulteriori informazioni su questo, The Influencer Marketing Factory ha recentemente condotto uno studio su 350 consumatori, concentrandosi sugli acquirenti della Generazione Z e Millennial, per raccogliere alcune informazioni sulle loro mutevoli preferenze quando si tratta di social media, prodotti e il loro comportamento generale dei consumatori.

Ci sono alcune note preziose: puoi leggere il rapporto completo di Influencer Marketing Factory qui o controllare il riepilogo infografico di seguito.

Instagram, tutte le funzioni per fare shopping che (forse) non conosci

Opportunità con il Social Commerce

Questo nuovo metodo di acquisto è cresciuto in modo esponenziale, in particolare negli Stati Uniti. “Il numero di acquirenti di social commerce negli Stati Uniti è cresciuto del 25,2% a 80,1 milioni nel 2020 e crescerà di un altro 12,9% a 90,4 milioni nel 2021. Le vendite di social commerce al dettaglio negli Stati Uniti aumenteranno del 34,8% a $ 36,09 miliardi quest’anno, rappresentando il 4,3% di tutto vendite al dettaglio di e-commerce “. I marchi stanno scoprendo che la società trascorre una buona quantità di tempo trascorrendo la giornata a scorrere online, soprattutto in caso di pandemia poiché non c’è molto da fare. Questo li ha portati a dover mettersi di fronte al cliente attraverso lo schermo e le app su cui trascorrono la maggior parte del loro tempo.

Gli obiettivi del social commerce

Gli obiettivi principali del social commerce sono la Gen Z ei Millennials, principalmente per le loro caratteristiche. Il 97% dei consumatori di Gen Z utilizza i social media come principale fonte di ispirazione per lo shopping. Il 40% segue i brand che gli piacciono sui social media. Il 68% dei clienti della Gen Z legge o guarda almeno tre recensioni prima del primo acquisto. Millennial: 72 milioni negli Stati Uniti, hanno un potere di spesa costante e cercano esperienze anche quando acquistano qualcosa online (e comprano MOLTO online!).

Il successo delle piccole imprese online

Il social commerce offre una grande opportunità per le piccole imprese, fornisce dati affidabili e consente agli influencer di essere maggiormente coinvolti. Una piccola impresa con una vetrina, prima del COVID-19, ha avuto successo solo se è stata scoperta da persone nell’area circostante e ha avuto una sorta di popolarità. Mentre ora, le piccole imprese stanno iniziando a trionfare su alcuni marchi innovativi grazie alla potenza e alla facilità dei social media e alla possibilità di acquistare online. È anche un ottimo modo per tenere traccia della durata di permanenza di un utente sul sito Web e dei prodotti verso cui gravita. Per non parlare del fatto che l’influencer marketing diventa molto più fluido con il social commerce e i link cliccabili che portano direttamente al prodotto.

App di social commerce

Instagram, Facebook e TikTok sono le piattaforme più conosciute che partecipano al trend cinese del social commerce, ma ci sono anche piattaforme emergenti che si concentrano sullo shopping in live streaming. Il live streaming è quando il video streaming viene inviato su Internet in tempo reale, senza prima esser registrato o archiviato.

Oggi le trasmissioni TV, gli streaming di videogiochi e i video dei social media possono essere trasmessi in live streaming. Lo shopping in live streaming è anche un metodo efficace perchè l’utente deve acquistare rapidamente prima che lo streamer passi a un prodotto diverso. In Cina questo di solito viene fatto su una “super app” come Taobao, WeChat e Xiaohongshu.

I contenuti video continuano a guadagnare terreno

I consumatori oggi di solito hanno poco tempo e sembrano aver sviluppato una maggiore preferenza per contenuti video facilmente accessibili e digeribili che possono “consumare” in fretta.

Il rapporto di agosto 2019 preparato da PricewaterhouseCoopers (PwC) per Facebook chiamato “Consumo di video in Australia”, riportava che nella fascia di età superiore ai 14 anni, cinque piattaforme video principali raggiungono oltre 7 milioni di persone in questa fascia di età: 

  • 17,3 milioni per la TV in chiaro e commerciale
  • 15,7 milioni per Facebook
  • 13,5 milioni per YouTube
  • 11,3 milioni per Netflix
  • 7,9 milioni per Instagram

L’importanza dei canali social per il marketing

Per i professionisti del marketing, questi dati possono significare molte cose. Una cosa è certa, tuttavia, per raggiungere un pubblico più ampio, è necessario attingere a quei canali in cui è possibile massimizzare la portata del pubblico. Ma dal momento che spettatori e consumatori si stancano di vedere i loro programmi preferiti interrotti da spot televisivi (motivo per cui i servizi di streaming video sono cresciuti rapidamente), dove dovrebbe essere focalizzata la comunicazione di marketing?

Instagram condivide suggerimenti su un efficace influencer marketing

Potrebbe piacerti: Instagram guida 2021

Se ti è piaciuto l’articolo seguici anche su Instagram per ulteriori curiosità sull’argomento.

Per altri approfondimenti sul cinema continua a seguirci su www.virgo29.it/blog

View more posts by

Website: https://virgo29.it

Lascia un commento