Nel 2016 l’Academy non nominò nessuna persona di colore tra i 20 candidati ai premi per il Miglior Attore, e questo scatenò non poche critiche. Per evitare queste gaffe, sono state introdotte nuovi requisiti per il Miglior Film.

Dall’edizione del Premio Oscar 2024 sarà introdotta una svolta epocale, che segna un altro punto nelle battaglie per l’integrazione, il rispetto delle minoranze, e l’inclusività. La nomination come Miglior Film potrà essere guadagnata solo rispettando alcune normative sulla scelta del cast, dello staff e della trama.

Già dall’edizione 2022 e 2023 sarà richiesto ai produttori un accordo confidenziale e auto-certificato sul rispetto dei requisiti dell’Academy. Dal 2024 invece questo diventerà obbligatorio.

Un ulteriore svolta, dopo la scelta di includere tra le nomination anche film non usciti al cinema.

nuovi requisiti minoranze oscar 2024 integrazione lgbtq+ donne disabili

I nuovi requisiti per il Miglior Film

Per essere candidati come Miglior film, si dovranno rispettare almeno due dei seguenti requisiti:

STANDARD A: Rappresentazione sullo schermo, temi e narrativa.

Per raggiungere lo Standard A, un film deve soddisfare uno dei seguenti criteri:

1. Almeno uno degli attori protagonisti, o un importante attore non protagonista, deve far parte di un’etnia scarsamente rappresentata (asiatico, ispanico, mediorientale, ecc.)

2. Almeno il 30% degli attori in ruoli secondari o minori deve far parte di almeno due di gruppi sottorappresentati (donne, etnie scarsamente rappresentate, LGBTQ+, persone con disabilità)

3. La storia, i temi o la narrativa del film dev’essere centrata su un gruppo scarsamente rappresentato (vedi sopra)

STANDARD B: Leadership creativa e team del progetto

Per raggiungere lo Standard B il film deve soddisfare uno dei criteri di seguito:

1. Almeno il leader di due delle seguenti posizioni creative (direttore del casting, compositore, cinematographer, costume designer, regista, editor, hairstylist, makeup artist, produttore, production designer, decoratore di set, sonoro, supervisore effetti speciali, autore) deve far parte di un gruppo sottorappresentato (donne, etnia scarsamente rappresentata, LGBTQ+, persone con disabilità).

2. Almeno sei delle altre posizioni tecniche dello staff devono essere occupate da persone di etnia scarsamente rappresentata.

3. Almeno il 30% dello staff del film deve far parte delle categorie sottorappresentate  (donne, etnia scarsamente rappresentata, LGBTQ+, persone con disabilità).

STANDARD C:  Accesso e opportunità

Per raggiungere lo Standard C, un film deve soddisfare entrambi i criteri di seguito:

1. La compagnia che distribuisce o finanzia il film deve avere tirocinanti o assistenti pagati di categorie sottorappresentate  (donne, etnia scarsamente rappresentata, LGBTQ+, persone con disabilità).

2. La compagnia che produce, distribuisce e/o finanzia il film, deve offrire opportunità di tirocinio o lavoro per lo sviluppo di abilità below-the-line (BTL, marketing e comunicazione) per persone di categorie sottorappresentate  (donne, etnia scarsamente rappresentata, LGBTQ+, persone con disabilità).

STANDARD D: Audience Development

Per raggiungere lo Standard D, il film deve soddisfare il criterio sottostante:

1. Lo studio e/o l’azienda cinematografica deve avere diversi senior executive interni nel team di marketing, pubblicità e/o distribuzione di categorie ed etnie sottorappresentate.

Le altre categorie resteranno invece invariate.

Come sono stati accolti i nuovi requisiti per il Miglior Film

Certamente un plauso è arrivato dalle associazioni e dai rappresentanti delle categorie che vengono tutelate da questi nuovi requisiti, tuttavia non sono mancate le critiche.

Con un tweet Kirstie Alley le ha definite “una disgrazia per gli artisti”. Sembra infatti che condizionino troppo la scrittura del film, limitando di fatto il processo artistico. Non è detto, cioè, che nell’economia della propria opera, della sua estetica, e del suo senso, sia richiesta la presenza di una delle categorie menzionate. Per alcuni, non è giusto che l’arte si sottoponga a queste richieste, perché per una sua definizione intrinseca deve essere libera.