Dopo che gli anni ’70, a grande richiesta da parte del pubblico amante del genere, aprirono le porte all’orrore; i registi hollywoodiani della decade successiva riversano litri e litri di sangue nel cinema. Gli anni ’80, infatti, non saranno ricordati solamente per i Duran Duran e gli Spandau Ballet, ma anche e soprattutto per l’avvento del cinema splatter.

La cosa -  the thing film horror

Splatter anni ’80

Pellicole come Venerdì 13, Non aprite quella porta, Nightmare, Halloween ecc, fecero capire ai cinefili che era giunto il momento di superare tutti i limiti, a cominciare da quelli del buongusto. Spaventare le persone era diventato difficile. Bisognava instaurare nello spettatore il terrore non soltanto della morte, ma del rischio di passare a miglior vita in maniera brutale. Finire ridotto in brandelli così piccoli da dover essere sollevati col cucchiaino. Essere uccisi utilizzando utensili come una motosega, un grosso machete, un coltello da macellaio e, finanche, un guanto ornato da coltelli affilati come rasoi.

La casa film horror

La critica per i film Splatter anni ’80  

La critica, all’epoca, ovviamente, non vide di buon occhio la semplicità delle trame in cui l’impegno era quasi tutto riservato alle scene più brutali ma, col tempo, anche i critici più severi aprirono gli occhi e si resero conto che, invece, l’impegno c’era in ogni singola componente dei vari film. Una caratteristica dovuta anche e soprattutto alla vagonata di risate che, puntualmente, si mescolava con la visione delle viscere dei protagonisti in capolavori come Return of the Living Dead, Evil Dead ecc.

Nightmare film horror

I più famosi film Splatter anni ’80

I registi horror che hanno visto nascere il loro nome e la loro rispettabilità negli anni ’70, come John Carpenter e Tobe Hooper, hanno scritto col fuoco le loro iniziali nella storia nel genere splatter con pellicole come The Thing e Poltergeist. Ancora oggi, gli amanti del genere si ritrovano nei gruppi Facebook a parlare di quanto fossero cruente le scene di film apparsi per la prima volta sul grande schermo, ormai, quarant’anni fa.

Era un’epoca in cui la gente voleva avere paura – certo – ma, anche quando sentivi quel brivido che correva lungo la schiena, quando avevi un rivolo di sudore che cadeva dalla fronte, un attimo dopo, tutto veniva smorzato da una risata.

I meravigliosi anni ’80… quando tutto era eccessivo e colorato, anche il cinema horror.

Potrebbe interessarti anche “La città verrà distrutta all’alba“.

Se ti è piaciuto l’articolo seguici anche su Instagram per ulteriori curiosità sull’argomento.

Per altri approfondimenti sul cinema continua a seguirci su www.virgo29.it/blog